Nuovi reparti di RADIOTERAPIA e MEDICINA NUCLEARE REM a Viagrande

  • marted√¨, 7 marzo 2017
    • Rem Radioterapia
Gruppo Samed
Gruppo Samed Gruppo Samed Gruppo Samed Gruppo Samed

I reparti di Radioterapia e di Medicina Nucleare della REM radioterapia srl, storica struttura catanese da sempre dedicata al trattamento dei tumori, sono stati recentemente trasferiti dalla sede storica di Catania via Muscatello al nuovo sito di via Penninazzo 11 a Viagrande. Una struttura più moderna e funzionale, a 50 metri dall’Istituto Oncologico del Mediterraneo, presso la quale la REM opera in collaborazione con la Fondazione IOM che si occupa di ricerca scientifica. Il centro è accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale per tanto si possono effettuare gli esami in convenzioni in tempi brevi.

MEDICINA NUCLEARE Direttore dott. Luigi Castorina

Il nuovo reparto è stato costruito interamente ex novo, un reparto all’avanguardia in termini strutturali, di radioprotezione, per l’attenzione alle esigenze dei pazienti e per le attrezzature di ultima generazione presenti.

La possibilità di eseguire tutta la gamma delle scintigrafie più richieste rimane una costante per la Medicina Nucleare convenzionale. Le richieste di scintigrafie ossee, miocardiche, linfatiche e con leucociti marcati continuano ad essere numerose attestando una crescente fidelizzazione dell’utenza alla struttura.

Ma il punto di forza del nuovo reparto è indubbiamente la sezione PET-CT. Il tomografo PET-CT è il modello top di gamma della GE progettato in maniera totalmente innovativa e con una tecnologia sofisticata sia per quanto riguarda l’elettronica di rilevazione (unica a 5 anelli) che quella di elaborazione, consentendo così una maggiore sensibilità dell’esame ed un risparmio sia di tempo d’esame che di dose al paziente. L’attenzione alla radioprotezione viene inoltre ribadita dall’acquisto di un frazionatore/iniettore che evita la manipolazione del radiotracciante dal momento del suo arrivo in struttura fino alla sua somministrazione (tutta la procedura avviene in questo apparecchio totalmente sterile e schermato).

La PET-CT è diventata un’indagine indispensabile per la gestione del paziente oncologico, in varie fasi della storia clinica della malattia: diagnosi, stadiazione e valutazione della terapia e degli effetti della terapia.

 

RADIOTERAPIA Direttore dott. Alfio Di Grazia

La nuova struttura rappresenta un centro innovativo grazie all'acquisizione di apparecchiature di ultima generazione, come il Trilogy e il sistema TrueBeam-Novalis STx.

Alla REM vengono effettuati tutti i tipi di trattamenti radioterapici, dai trattamenti convenzionali di radioterapia conformazionale 3D ai trattamenti ad intensità modulata (IMRT), dai trattamenti volumetrici ad arco alla radioterapia stereotassica. Il Novalis è un acceleratore con una precisione all'isocentro inferiore al mezzo millimetro, quindi estremamente preciso. Gli acceleratori sono corredati di sistemi IGRT per la radioterapia guidata da immagini che permette di effettuare una TAC al paziente prima del trattamento e quindi riposizionare e monitorare il paziente stesso in modo molto accurato. Ciò permette di eseguire terapie sempre più precise e innovative, meno invasive e più veloci, con minori effetti collaterali, esaltando il comfort del paziente. 

Presso la nuova struttura è inoltre presente una TAC dedicata con simulazione virtuale e gantry molto ampio che consente di effettuare simulazioni anche per pazienti obesi.

 

 

PIANI DI CURA DI RADIOTERAPIA BASATI SU CENTRAGGI PET-CT. Prima e unica struttura finora in Sicilia, la PET-CT della REM è stata equipaggiata con gli accessori necessari per potere eseguire i centraggi dei piani di cura della radioterapia oncologica direttamente sulle immagini PET (che individuano le vere aree biologicamente attive del tumore). Sono stati infatti appositamente acquistati sia un lettino rigido che dei sensori laser gestiti da un programma computerizzato, tutti esattamente identici  agli analoghi accessori acquistati e montati nei due bunker di radioterapia installati nello stesso nuovissimo plesso di Viagrande. Questa procedura, già praticata nei migliori centri del Nord ma finora eseguita in Sicilia solo alla REM, consente di concentrare la dose sulla parte biologicamente attiva del tumore e di risparmiare i tessuti circostanti.