Rassegna stampa

Mostra tutti Istituto Oncologico del Mediterraneo Casa di Cura Musumeci Gecas Rem Radioterapia Villa Lisa Residenza Sanitaria Arka




venerdì, 7 febbraio 2020

La Sicilia - DIAGNOSTICA ONCOLOGICA INNOVATIVA

DIAGNOSTICA ONCOLOGICA INNOVATIVA
biopsia liquida, Next Generation Sequencing (NGS), analisi del microbioma





mercoledì, 11 dicembre 2019



venerdì, 29 novembre 2019

La Sicilia - LOTTA AI TUMORI: RICERCA, SCREENING E RETI ONCOLOGICHE

LOTTA AI TUMORI:  RICERCA, SCREENING E RETI ONCOLOGICHE

Ne parliamo con il prof. Dario Giuffrida, direttore oncologia IOM, appena eletto consigliere nazionale AIOM e referente della rete oncologica siciliana con Agenas

 

Si è da poco concluso il XXI congresso nazionale AIOM (Associazione Italiana Oncologia Medica): tremila oncologi riuniti a Roma per fare il punto sulla lotta ai tumori. Ricerca, reti oncologiche e prevenzione i temi principali. Durante il congresso si è svolta, inoltre, l’assemblea dei soci per il rinnovo delle cariche direttive ed è stato eletto un oncologo catanese all’interno del direttivo nazionale: il prof. Dario Giuffrida, Direttore oncologia dell’Istituto Oncologico del Mediterraneo di Viagrande.  Chiediamo a lui di illustrarci le novità più interessanti.  

 

Prof. Giuffrida quanto sono importanti la prevenzione e la diagnosi precoce?

Fondamentali. L’ASP di Catania, in particolar modo il direttore generale dott. Maurizio Lanza e il direttore sanitario dott. Antonio Rapisarda, negli ultimi anni ha investito molto nell’organizzazione e promozione dei programmi di screening e si sta impegnando per ottenere una sempre maggiore adesione da parte della popolazione. Inoltre va sottolineato che il 40% delle neoplasie può essere prevenuto seguendo stili di vita sani. Per tanto bisogna lavorare intensamente per sensibilizzare i cittadini sul ruolo della prevenzione primaria e secondaria. La prevenzione deve rientrare nella ristrutturazione del sistema dell’assistenza che deve prevedere l’effettiva realizzazione delle Reti oncologiche regionali su tutto il territorio nazionale.

 

Quanto sono importarti e diffuse le reti oncologiche regionali?  

Le reti rappresentano il modello per garantire in tutto il nostro Paese l’accesso a diagnosi e cure appropriate e di qualità, per razionalizzare risorse, professionalità e tecnologie e per arginare il fenomeno preoccupante delle migrazioni sanitarie. Oggi sono attive soltanto in alcune regioni, è fondamentale che vengano implementate su tutto il territorio nazionale.

 

In Sicilia non c’è una rete oncologica regionale?

E’ stato appena costituito il Coordinamento regionale della Rete oncologica siciliana ed io ho il piacere di farne parte in qualità di referente del coordinamento della rete con Agenas. L’assessore avv. Ruggero Razza infatti, ha ritenuto necessario puntare sullo sviluppo della rete oncologica anche in Sicilia per creare un’organizzazione secondo un modello che preveda l'approccio multidisciplinare con l'integrazione delle differenti specialità per la gestione clinica dei pazienti, con la condivisione dei percorsi di cura e la garanzia dell'equità di accesso alle cure e la precoce presa in carico ed ha quindi deciso di costituire una rete oncologica, da sviluppare e pianificare nell'arco del prossimo triennio, che possa integrare l’attività ospedaliera per acuti e post acuti con l’attività territoriale per la promozione, il miglioramento della qualità, della sicurezza e dell'appropriatezza degli interventi assistenziali in area oncologica. Uno dei compiti del coordinamento è quello di svolgere attività di monitoraggio e verifica dei Percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali (PDTA) già approvati dalla Regione siciliana in ambito oncologico e realizzare i PDTA per le principali patologie tumorali (prostata, ovaio, polmone, colonretto, melanoma e tumori rari) non ancora approvati a livello regionale e quindi interfacciarsi con i responsabili dei vari PDTA.

 

A che punto è la ricerca scientifica?

Purtroppo l’Italia è fanalino di coda per gli investimenti in ricerca, sia pubblici che delle aziende private soprattutto a causa dei tempi di attivazione delle sperimentazioni, molto più lunghi rispetto agli altri Paesi europei. Cionondimeno l’attività scientifica italiana è ai primi posti in Europa. È fondamentale incrementare la ricerca di qualità nel nostro Paese. Inoltre anche i centri periferici dovrebbero avere la possibilità di partecipare alle sperimentazioni che consentono una migliore assistenza ai malati.

 

Da noi si fa ricerca? Si svolgono sperimentazioni cliniche?

Si, diversi centri oncologici siciliani, oltre alla ricerca spontanea a vario livello,  partecipano a protocolli sperimentali su farmaci innovativi ed esiste una buona collaborazione tra i vari oncologi a livello regionale che mira all’inserimento dei pazienti all’interno dei protocolli terapeutici.

 

 


martedì, 26 novembre 2019

Varie testate on line - Una corsa contro il cancro

 



venerdì, 18 ottobre 2019

La Sicilia - ATTUALITA’ IN UROLOGIA

ATTUALITA IN UROLOGIA: CHIRURGIA LASER DELLA PROSTATA

Sabato 19 ottobre si svolgerà presso la sala riunioni della casa di Cura Musumeci GECAS un corso di formazione rivolto ai medici di famiglia sulle novità che riguardano la diagnosi e la terapia delle patologie uro-andrologiche. Il corso sarà tenuto dal responsabile dell’unità funzionale di urologia prof. Rosario Leonardi. Tra gli argomenti trattati verrà approfondita la chirurgia laser della prostata. La prostata è una ghiandola dell’appara­to uro-genitale maschile che si trova al di sotto della vescica e circonda l’uretra. Un processo infiammatorio può dare disturbi urinari, dell’erezione e precocità dell’eiacula­zione. L’ipertrofia prostatica, tipica della terza età, ma sempre più anche nei cinquantenni, è la causa maggiore di disturbi ostruttivi min­zionali. Nella prostata si può sviluppare anche un tumore, oggi il più frequente nel maschio. I farmaci, spesso impiegati per l’ipertrofia, pos­sono incidere negativamente sulla sfera ses­suale. Non parliamo poi dell’intervento chirur­gico. Molti pazienti, temendo possibili effetti collaterali (incontinenza, impotenza e perdita dell’eiaculazione), lo rimandano fino a quan­do non riescono più ad urinare. La chirurgia laser, mini-invasiva, tende a ridurre l’inciden­za di alcuni effetti collaterali. Certi laser, però, espongono a bruciore intenso e dolore nel post-operatorio ed iniziale incontinenza, e poco fanno sulla preservazione dell’eiaculazione. Dal 2007 - afferma il prof. Leonardi-  utilizziamo un “laser gentile”, che sfrutta l’azione dei semiconduttori e che non provoca fastidi irritativi post operatori. Negli anni, inoltre, abbiamo messo a punto una tec­nica (LEST) che preserva sempre l’erezione e, nella maggior parte dei casi, l’eiaculazione.

 


sabato, 13 luglio 2019

- Inaugurato parco giochi villa comunale di Viagrande

Inaugurato il nuovo parco giochi della Villa comunale di Viagrande realizzato anche grazie al contributo IOM

Servizio su REI TV 

https://www.facebook.com/canale89/videos/2329158213834379/?sfnsn=mo